Ricette
Ricette Cucina Nel Mondo!

FRANCESCO DI FRIGNANO
La cucina che Francesco di Frignano mi segnala che inserisco per tutti i buon gustai.

Home Page - Ricerche - Indice Ricette - Pagina Iniziale - Preferiti - Contattaci - Segnala un sito
Ricette per categoria
+ Bevande
+ Antipasti
+ Primi Piatti
+ Secondi Piatti
+ Contorni
+ Dessert
+ Salse e Condimenti
+ Bimby
Microonde
Melagrana
Curarsi con le erbe
Pizze
Dimagrire
+ Nutrizione
Accelerare Metabolismo
+ Diete
Tabelle Calorie
Calcola Peso Forma
+ Alimentazione
Le Vostre Ricette
Siti partner
Scommesse
Altri...
Partner

Vota questo sito su migliorsito.com
TOPlist
Balli
+ Balli Caraibici
Meteo
+ Previsioni Meteo
Tutto Su Internet
+ Automobili
Dizionario o Vocabolario
+ Geografia
+ Giochi
+ Musica
+ Scommesse
+ Sports

LE VOSTRE RICETTE

Francesco di Frignano

Le ricette segnalate da Francesco di Frignano gustose e prelibate.

Francesco di Frignano

Le tigelle non si mangiano. Sono uno strumento di cottura delle crescente (o crescentine per i turisti) e sono un prodotto tipico del Frignano (zona delle montagne dell'appennino tosco emiliano).
Nel dopo guerra col turismo di massa gli abitanti della pianura hanno scoperto le crescente, che si cuocevano nel camino con le tigelle. Hanno confuso i nomi e le chiamano tigelle come si pu chiamare paiolo la polenta.
Quando si sente chiamare le crescente tigelle si ha la certezza che non un prodotto tipico. Anche i modenesi fanno le crescente (che chiamano tigelle), che non possono essere modenesi, io faccio il cuscus ma non dico cuscus frignanese, o peggio tegame frignanese se lo cuocio in un tegame.
La ricetta delle crescente : acqua, farina, sale, lievito (si pu arricchire con un po' di burro o olio, ogni persona ha la sua). Si impasta come il pane. Si divide la pasta in tante palline che poi si stendono col mattarello facendole diventare dischi di 8-10 cm per 1 cm circa.
Si scaldano le tigelle nel camino fino a farle diventare quasi rosse. Si impilano per far distribuire il calore uniformemente. Poi si striscia la pasta sulla tigella, se lascia un colore brunito va bene, se bianco troppo fredda, se nero brucerebbe la pasta.
Se troppo calda si mette una foglia di castagno tra la tigella e la pasta. Aiutandosi col tiglarol (termine dialettale intradicibile) vedi foto di fa una pila di tigella-pasta-tigella eccTigelle e Tiglarol. Col calore della tigella la pasta si cuoce. Si tolgono e si mettono a stemperare sotto la cenere poi ancora calde si servono a tavola avvolte in un tovagliolo dentro un cesto di vimini.
Si tagliano a met e si condiscono con pesto di lardo rosmarino e aglio, sfarinate con parmigiano. Oppure si mangiano con affettati o cacciatora.
CotoleDato che il camino non pi in uso come strumento di cucina, si usano le cotole che si scaldano sul gas (vedi foto), esistono in commercio vari strumenti elettrici, o macchine a gas usate nelle sagre.
N.B. Una cosa orribile mettere le uova nella pasta, sarebbe come mettere le uova nella pasta del pane (vedi vostra ricetta). Se a uno piace.....mica lo arrestano!
L'ultima domenica di agosto a Pavullo nel Frignano c' la festa della crescentina.
Ricette regionali italiane
+ Piemonte
+ Valle D'Aosta
+ Liguria
+ Lombardia
+ Veneto
+ Trentino Alto Adige
+ Friuli Venezia Giulia
+ Emilia Romagna
+ Toscana
+ Marche
+ Umbria
+ Lazio
+ Campania
+ Abruzzo
+ Molise
+ Puglia
+ Basilicata
+ Calabria
+ Sicilia
+ Sardegna
Ricette internazionale
+ Europa
+ Medio Oriente
+ Asia
+ Africa
+ Nord America
+ Sud America
+ Oceania
Tutto gratis
+ Carta Geografica
+ Inviti e Partecipazioni
+ Url
+ Tutto gratis
Antivirus
+ Antivirus
Risorse
+ Agriturismo
+ Assicurazioni
+ Finanza
+ Risorse
Home Page - Ricerche - Indice Ricette - Pagina Iniziale - Preferiti - Contattaci - Segnala un sito
-
Copyright 2005- ..::*www.moldrek.com*::.. All rights reserve (Tutti i diritti riservati)