Ricette
Ricette Cucina Nel Mondo!

FOLCLORE PIEMONTESE
Il folclore piemontese è un evento popolare che si svolgeva per le strade della città con musica e balli di quell'epoca e tramandata nel tempo...una tradizione che si svolge tra banchetti di piatti tipici.

Home Page - Ricerche - Indice Ricette - Pagina Iniziale - Preferiti - Contattaci - Segnala un sito

Ricette per categoria
+ Bevande
+ Antipasti
+ Primi Piatti
+ Secondi Piatti
+ Contorni
+ Dessert
+ Salse e Condimenti
+ Bimby
Microonde
Melagrana
Curarsi con le erbe
Pizze
Dimagrire
+ Nutrizione
Accelerare Metabolismo
+ Diete
Tabelle Calorie
Calcola Peso Forma
+ Alimentazione
Le Vostre Ricette
Siti partner
Scommesse
Altri...
Partner

Vota questo sito su migliorsito.com
TOPlist
Balli
+ Balli Caraibici
Meteo
+ Previsioni Meteo
Tutto Su Internet
+ Automobili
Dizionario o Vocabolario
+ Geografia
+ Giochi
+ Musica
+ Scommesse
+ Sports
Folclore: piemontese folcloristico.
Si può anche chiamare folklore che viene dall'inglese!!!
FOLCLORE PIEMONTESE
 Pagina: 1 Pagina: 1  
 Pagina: 1 Pagina: 1  

Il folclore Piemontese
Unione Nazionale Pro Loco d'Italia
Tel-Fax: 06.9913049

Introduzione
La tradizione popolare di questa regione è sopravvissuta grazie al carattere dell'animo possente piemontese. Anche se il sopravvento dell'industrializzazione e del consumi la popolazione locale ha dimostrato di essere molto attaccata al proprio bagaglio folcloristico nel quale spiccano molte sagre ed alcune celebrazioni.

Festa dell'ospitalità
Nella provincia di Asti e precisamente ad Agliano in primavera si tiene una particolare ricorrenza popolana in cui ognuno dei duemila abitanti di questo paese si distingue per la propria gentilezza. i cittàdini della cità in questo giorno aprono le porte della propria casa per ospitare le famiglie ed offrirgli i buoni prodotti tipici della terra e l'Ottimo vino Barbera. oggi si può partecipare a questa festa che si è estesa prenotando in comune a ritirare un apposito tagliandino.

I giochi popolari
La terza domenica di Maggio ad asti tutti i rioni della città si scontrano in una serie di gare originarie del Medioevo. Gli uomini vestiti con gli antichi abiti tradizionali si sfidano in gare come il bacio della castellana, l'assalto alla torre o la gara di cerbottana.

La sagra del polentonissimo
Ogni anno la prima domenica marzo nella provincia di Asti e precisamente al Monastero di Bormida da 178 anni si ricorda la generosità del Marchese della Rovere portò in un anno di carestia polenta e frittata per tutti. Questa tradizione svolta ancora oggi viene effettuata sulla piazza principale di Monastero dove vengono preparati 10 quintali di polenta condita con migliaia di salsicce e salame, e una frittata da 40 chili. Queste pietanze vengono accompagnate da ottimo vino in abbondanza, balli folcloristici e cari allegorici.

Festa della carità
A Scurzolegno in provincia di Asti il 6 maggio si confezionano focacce in quantità dal XIII secolo ad oggi. la ricorrenza di questa usanza in questo giorno dei signori del feudo di Scurzolengo mettono all'asta pietanze per donare in beneficenza il ricavato che va ai poveri del paese. I prodotti che si mettono all'asta sono: focacce preparate con uova, burro, farina e zucchero. Da secoli si prepara la focaccia con la ricetta duecentesca che vengono poste in cestini variopinti preparati dai diversi borghi del paese.

Festa del pitu
La prima domenica della queresima a Tonco Viene riprodotto un antico rito assimilabile al capro espiatorio biblico. In questo giorno viene preso un tacchino il pitu dove viene allestito un tribunale in piazza e l'animale viene giudicato per tutti i mali che hanno danneggiato il paese durante l'anno. Il pitu viene quindi giudicato colpevole e condannato a morte, ma prima ha il diritto di fare testamento. Il momento saliente è proprio questo dell'evento perchè tutti gli abitanti della comunità tirano fuori i propri vizi e difetti rendendoli pubblici. La fine della feste avviene con l'impiccagione del povero pitu; il quale appeso per i piedi diviene bersaglio di cavalieri armati che cercano di decapitarlo per assicurarsi il trofeo.

La gara dei birilli delle donne
Nelle vicinanze di cuneo la prima e la seconda domenica dopo ferragosto al centro di un'eccellente zona vinicola, si celebra la gara dei birilli delle donne. Le partecipanti, su un percorso di circa quindici metri, lanciano una palla di legno molto pesante cercano di colpire il maggior numero di birilli al volo senza che la palla tocchi il suolo. La festa ebbe origine da Isabella Doria castellana di farigliano, che secondo la legenda, inventò questa prova di abilità per risolvere un contenzioso nato tra le donne del paese.
Ricette regionali italiane
- Piemonte
+ Info
+ Vacanze Piemonte
+ Chat
+ Sagre Piemonte
+ Incontri Vacanze
+ Folclore Piemontese
+ Feste Piemonte
+ Agriturismi Piemontesi

+ Valle D'Aosta
+ Liguria
+ Lombardia
+ Veneto
+ Trentino Alto Adige
+ Friuli Venezia Giulia
+ Emilia Romagna
+ Toscana
+ Marche
+ Umbria
+ Lazio
+ Campania
+ Abruzzo
+ Molise
+ Puglia
+ Basilicata
+ Calabria
+ Sicilia
+ Sardegna
Ricette internazionale
+ Europa
+ Medio Oriente
+ Asia
+ Africa
+ Nord America
+ Sud America
+ Oceania
Tutto gratis
+ Carta Geografica
+ Inviti e Partecipazioni
+ Url
+ Tutto gratis
Antivirus
+ Antivirus
Risorse
+ Agriturismo
+ Assicurazioni
+ Finanza
+ Risorse
Home Page - Ricerche - Indice Ricette - Pagina Iniziale - Preferiti - Contattaci - Segnala un sito
-
Copyright © 2005- ..::*www.moldrek.com*::.. All rights reserve (Tutti i diritti riservati)